Minimal Collection – Intro

Minimal collection raccoglie esercizi di rappresentazione minimalista accomunati da un comune percorso di quattro tappe tratte da [MIN]:

* Minimalismo funzionale: denota la riduzione delle funzionalità accessibili. Il minimalismo funzionale si focalizza sul cuore delle competenze e presenta solo le funzionalità chiave all’utilizzatore;
* Minimalismo strutturale: denota la riduzione della struttura di accesso percepita;
* Minimalismo architetturale: si focalizza nella riduzione della complessità di un’interfaccia distribuendo in modo trasparente le sue funzionalità tra componenti minimali. Il risultato ideale è che la complessità del design sia ridotta senza comprometterne la potenza espressiva iniziale;
* Minimalismo compositivo: si riferisce alla riduzione di tasks specifici che ne limiterebbero l’utilità in altri contesti. L’opera deve permettere l’utilizzo di pattern di sviluppo anche dopo che l’attività di design è terminata.


[MIN] Hartmut Obendorf, Minimalism, Designing Simplicity, Springer, 2009